PROGRAMMA A.A. 2015/2016

Il Master in Governo dei Flussi Migratori è un master di secondo livello, della durata di un anno, che rilascia 60 CFU. Il master è articolato in 480 ore, diviso nelle seguenti unità formative:

 

UNIT 0 – I fenomeni migratori (ore didattica 30 – CFU 4)

• Politiche migratorie: quadro storico e analisi sociali
• Migrazione, globalizzazione, profughi ambientali e processi socio-economici
• Accoglienza, integrazione, cittadinanza e diritti umani: la nuova frontiera della cooperazione e della tutela internazionale

UNIT 1 – Il Quadro giuridico nazionale (ore didattica 80 – CFU 12)

• Evoluzione storica e fonti del diritto dell’immigrazione in Italia: dalla Legge Martelli alla Turco Napolitano sino alla Bossi Fini.
• L’ingresso nel territorio nazionale e il permesso di soggiorno. La condizione giuridica dello straniero in Italia: tutela della famiglia e dei minori stranieri in Italia.
• La disciplina del lavoro: la programmazione dei flussi. La disciplina della tutela penale e amministrativa contro l’irregolarità del soggiorno (reato di clandestinità, respingimento e misure amministrative alternative).
• Il provvedimento di recepimento della Direttiva Europea 2008/115/CE in materia di Rimpatrio di stranieri irregolari e la Direttiva Europea 2002/90/CE; in materia di Favoreggiamento dell’ingresso irregolare del transito e del soggiorno illegale.
• Gli accordi di riammissione tra politiche di respingimento e quote annuali di accessi regolari.
• La protezione internazionale e l’evoluzione del Diritto d’Asilo ( Art. 10 della Costituzione).
• Il recepimento della Direttiva europea 2013/ 32/UE in materia di “Procedure per il riconoscimento e la revoca dello Status di rifugiato”; della Direttiva n° 2013/33/UE in materia di “Norme minime per l’accoglienza dei richiedenti Asilo negli Stati membri”; della Direttiva 2011/95/UE in materia di “ attribuzione a cittadini di paesi terzi o apolidi della qualifica di beneficiario di protezione internazionale”.
• Il Sistema di Accoglienza italiano: dalla Prima accoglienza al Sistema SPRAR.

Attività di approfondimento (10 ore)

Analisi di casi studio: la rete d’accoglienza del sistema SPRAR diffusi sul territorio nazionale.

UNIT 2 – Il Quadro comunitario (ore didattica 30 – CFU 3)

 

• Il trattato di Lisbona come punto di arrivo: per le nuove politiche migratorie: In particolare gli artt. 77, 78, 79 e 80.
• Le Direttive Europee in materia di “ Procedura”, “accoglienza” e “qualifica di beneficiario di protezione internazionale” .
• Il Sistema “ Dublino” sua evoluzione sino al cd. Dublino III.
• Il “Global Approach” tra obiettivi e sviluppi: i partenariati di mobilità e le piattaforme di cooperazione.
• Seminario di approfondimento con esperti ed operatori di settore.

 

Attività di approfondimento (10 ore)

Esercitazione/Gioco di ruolo: Simulazione del percorso reale di una procedura di richiesta asilo.

 

UNIT 3 – I nuovi flussi migratori (ore didattica 50 – CFU 7)

 

• La crisi dello scenario internazionale in Europa dell’Est ed Africa: la primavera araba e l’evoluzione dei flussi dopo la caduta dei regimi nordafricani e mediorientali.
• Il collasso del Sistema di Accoglienza in Italia ed in Grecia. Il potenziamento del Sistema di accoglienza in Italia La crisi dello scenario internazionale in Europa dell’Est ed Africa: la primavera araba e l’evoluzione dei flussi dopo la caduta dei regimi nordafricani e mediorientali.
• La crisi del Sistema degli Accordi di Dublino. Le prime risposte verso il superamento del criterio dello “ Stato di primo ingresso. Le clausole “umanitaria e familiare”.
• La “relocation” e il “resettlement” come strumenti per riequilibrare le pressioni particolari su Italia e Grecia: il ruolo delle organizzazioni internazionali.

 

Attività di approfondimento (10 ore)

Seminario di approfondimento con casi di studio con esperti ed operatori di settore Seminario di approfondimento con casi di studio con esperti ed operatori di settore

UNIT 4 – Il nuovo Quadro Operativo Comunitario: dal 2014 al 2020 (ore didattica 40 – CFU 5)

• I Fondi Europei di sostegno alle politiche dell’Immigrazione.
• Il Consiglio europeo del 26 e 27 giugno 2014 : gli “orientamenti strategici 2014-2020”.
• Le priorità della nuova Commissione Juncker: “ Un nuovo inizio per l’Europa”
• L’Agenda Europea sulla migrazione (del 13 maggio 2015)

 

Attività di approfondimento (40 ore)

Laboratorio pratico: Definizione e costruzione di una proposta progettuale da presentare a valere sui fondi europei di sostegno alle politiche dell’immigrazione (PCM) Laboratorio pratico: Definizione e costruzione di una proposta progettuale da presentare a valere sui fondi europei di sostegno alle politiche dell’immigrazione (PCM)

 

UNIT 5 – Le possibili prospettive (ore didattica 40 – CFU 5)

• Dall’armonizzazione dei Sistemi nazionali per un Diritto di Asilo comunitario al Mutuo riconoscimento del diritto di asilo Europeo.
• Una politica condivisa con i paesi di origine: dagli accordi di riammissione dell’U.E. al ritorno delle politiche di migrazione legale. Analisi di casi.
• Lo sviluppo strategico ed il potenziamento dei Fondi Europei di sostegno alle politiche dell’Immigrazione.

Unit 6 – Le competenze trasversali degli operatori del settore (ore didattica 30 – CFU 4)

• Negoziazione e gestione dei conflitti
• Comunicazione e progetti di integrazione

Attività di approfondimento (10 ore)

Esercitazione/Gioco di ruolo: prevenire il conflitto nelle aree marginali delle città

Project Work

Parte integrante de Master in Governo dei Flussi Migratori, il Project Work coincide con la tesi finale ed è oggetto di valutazione. Alla realizzazione del Project Work sono destinate 80 ore ed il lavoro svolto da diritto a dei crediti formativi.
Link Campus University, avvalendosi delle competenze del Dipartimento per la ricerca interno, ha individuato alcune necessità nella Pubblica Amministrazione, il cui studio potrebbe essere l’oggetto di indagine del Project Work del master in Governo dei Flussi Migratori:
• Valutazione degli effetti economici e sociali dell’integrazione migratoria
• Analisi delle proposte di modifica alla convenzione di Dublino
• Valutazioni dell’impatto delle migrazioni su offerta e domanda di lavoro dei prossimi anni.


Nel rispetto della direttiva 2209/136/CE, ti informiamo che il nostro sito utilizza i cookies. Se continui a navigare sul sito, accetti espressamente il loro utilizzo. Per informazioni | Chiudi