22
DIC
2016

Migranti: Giro, dall’Ue 30 miliardi per investimenti Africa

Da AGI

immigrazione

 

Bruxelles – L’Unione europea intende garantire ai Paesi africani 30 miliardi di euro in investimenti, quale parte della strategia di contrasto dei fenomeni migratori verso l’Ue. Lo ha detto il viceministro degli Esteri, Mario Giro, a margine dei lavori della riunione informale del consiglio Affari Esteri dedicato allo Sviluppo, in corso a Bruxelles.

Domani la Commissione europea presenterà il piano per gli investimenti per l’Africa, oggetto di dibattito già oggi a livello ministeriale. Come ha spiegato Giro, il contributo sarà di “tre miliardi, con un effetto leva di dieci, per un totale di 30 miliardi di euro”. Le risorse potranno essere anche di più “se gli Stati membri decideranno di contribuire”. Per ora si parte però da tre miliardi di fondi europei. Secondo Giro “trenta miliardi bastano, se si hanno davvero 30 miliardi”, e a patto che “siano veri investimenti e non solo aiuto allo sviluppo”. Bisognerà capire dove investire, e per l’Italia le aree prioritarie di intervento sono Sahel, Africa occidentali e Corno d’Africa.

Si discuterà del piano e delle sue “tecnicalità” già il 16 settembre a Bratislava, in occasione del vertice informale dei capi di Stato e di governo nel formato a Ventisette. Sull’attuazione di questo piano, come del resto della strategia migranti, però, “aleggiano la Brexit e le scadenze elettorali di Francia e Germania”. Quella della gestione del fenomeno migratorio “non è una questione di condizioni, ma di priorità” e in Europa ogni governo ha le propria agenda. “È chiaro che i Paesi dell’est guardano a est”.

Nel rispetto della direttiva 2209/136/CE, ti informiamo che il nostro sito utilizza i cookies. Se continui a navigare sul sito, accetti espressamente il loro utilizzo. Per informazioni | Chiudi